News
Sede in LOMBARDIA  via lario
______________________
Via Lario, 7, 20811 Cesano Maderno MB, Italia
 Contatti: 3281627415 - 3801987342

LA TRATTENUTA DEL 2,50% SULLA RETRIBUZIONE LORDA MENSILE DEI DOCENTI ASSUNTI DOPO IL 2000 VA RESTITUITA.

Questo è anche quanto ha confermato il Tribunale di Napoli con la sentenza n.2455/2017.

La controversia aveva per oggetto proprio la richiesta fatta al Tribunale da parte di alcuni docenti, con contratto a tempo indeterminato e sottoposti a regime di TFR ex art. 2012 c.c., di dichiarare illegittima la trattenuta operata pari al 2,5% calcolata sull' 80% della retribuzione, propria dei dipendenti in regime di TFS ex art. 37 e 38 del Dpr 1073/73.

Gli insegnanti avevano chiesto, poi, che tale somma sottratta senza alcun titolo venisse restituita ai lavoratori.

Il Tribunale di Napoli ha accolto la richiesta su un filone giurisprudenziale ( si ricorda che a dichiarare l'illegittimità di questa trattenuta è stata per prima la Corte Costituzionale con la sentenza n. 223 del 2012) secondo il quale il Tfr è una prestazione economica totalmente a carico del datore di lavoro, sia pubblico che privato. Tale trattenuta del 2,50% sull' 80 % della retribuzione a titolo di Tfr sullo stipendio, perfettamente legittima nel sistema previdenziale in regime di Tfs, è del tutto ingiustificata in regime di Tfr in ragione del metodo di calcolo totalmente diverso dal primo.

Nel regime di Tfs, il dipendente pubblico è tenuto a versare una percentuale del 2,50% sull' 80% della retribuzione lorda, a titolo di contributo previdenziale.

In caso di dipendenti in regime di Tfr, invece, tale trattenuta è illegittima e ingiustificata dal momento che non viene riversata nelle casse dell'INPS, né in alcun altro fondo di previdenza complementare. In altri termini, la trattenuta del 2,50% rimane una << prerogativa esclusiva del datore di lavoro pubblico, che beneficia così di un forte risparmio sulle retribuzioni erogate e di fatto la incamera presso di sé >>. Il giudice del lavoro del Tribunale di Napoli ha confermato che il trattamento di fine rapporto è una retribuzione differita posta a carico del datore di lavoro, come del resto avviene per tutti i dipendenti privati.

 

Redazione scuolaE'...

Condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il Quotidiano della P.A.it

Calendario

loader

Prossimi Eventi

Nessun evento trovato

Formazione

Accesso Utenti

Menu Utente

Referenti Italia

contentmap_module

Bandi e Concorsi

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.