Studenti
Sede in LOMBARDIA  via lario
______________________
Via Lario, 7, 20811 Cesano Maderno MB, Italia
 Contatti: 3281627415 - 3801987342

Approvato il nuovo testo sulle disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo.

cyberbullismo2

La VII Commissione (Cultura, scienza e istruzione), esaminato nelle sedute del 2 e 3 agosto 2016 il nuovo testo del progetto di legge recante disposizioni a tutela dei minori per la prevenzione e il contrasto del fenomeno del cyberbullismo (C. 3139, approvato dal Senato, e abbinate); considerato che la legge n. 107 del 2015, all’articolo 1, comma 7, lettera l), prevede – tra l’altro – misure volte alla prevenzione e al contrasto di ogni forma di discriminazione e del bullismo, anche informatico;

preso atto che il testo offre le definizioni di bullismo e cyberbullismo, in qualche passaggio con necessità di perfezionamento semantico; visto il contenuto degli articoli 3, 4 e 4-bis che involgono, rispettivamente, compiti del Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, in materia di campagne informative contro il bullismo e il cyberbullismo; l’emanazione delle linee di orientamento di cui al predetto articolo 1, comma 7, lettera l), della legge 107 del 2015; i compiti del dirigente scolastico nel rilevare tempestivamente le condotte pericolose e nel predisporre percorsi personalizzati sia di assistenza alla vittima, sia di accompagnamento rieducativo degli autori dei fatti;

esprime PARERE FAVOREVOLE con le seguenti condizioni:

1) nell’articolo 1, al comma 2, siano soppresse le parole: « percepite come più vulnerabili »;

2) nell’articolo 1, al comma 3, sia chiarito che la responsabilità per quanto pubblicato sui siti Internet ricade sui gestori dei contenuti dei siti, fatto salvo il dovere di collaborazione dei fornitori dei servizi di connessione nel contrasto dei fenomeni di cyberbullismo;

3) nell’articolo 3, si provveda a integrare il tavolo tecnico, da istituirsi presso la Presidenza del Consiglio dei ministri, con figure di psicologi, pedagogisti ed esperti in comunicazione sociale;

4) nell’articolo 4-bis, al comma 1, si prevedano anche forme di giustizia riparativa;

5) nell’articolo 6-bis, alla rubrica siano soppresse le parole da: « recante » sino alla fine; e con le seguenti osservazioni:

a) nell’articolo 2, al comma 1, valutino le Commissioni l’opportunità di inserire una formula che ampli anche ai minori di anni quattordici il novero dei soggetti abilitati a formulare l’istanza di tutela delle persone offese; b) con riferimento all’articolo 4, comma 3, valutino le Commissioni l’opportunità di specificare da quali fondi gli Uffici scolastici regionali debbano attingere per finanziare i progetti da mettere a bando.

 

ARTICOLI CORRELATI

 

Redazione scuolaE'

Condividi questo articolo

Submit to DeliciousSubmit to DiggSubmit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to StumbleuponSubmit to TechnoratiSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Il Quotidiano della P.A.it

Calendario

loader

Prossimi Eventi

Nessun evento trovato

Formazione

Accesso Utenti

Referenti Italia

contentmap_module

Bandi e Concorsi

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.