News

Ad ogni buon uso, pubblichiamo di seguito la lettera della Ministra Fedeli, indirizzata al corpo scolastico nazionale, relativa a quanto in oggetto.

 

70 anni della costituzione

 

gaeE' attesa per meta' dicembre la decisione del Consiglio di Stato in seguito all'adunanza plenaria del 15 novembre sul futuro dei diplomati magistrale. Qualunque sia la decisione è certo che non sarà la fine, perchè a vantare gli stessi diritti, come minimo, ci sono i laureati in Scienza della Formazione Primaria. Sarà quindi un nuovo punto di partenza per i ricorsi del futuro.

aggiornamento ATAIl MIUR provvederà all’emanazione di uno specifico decreto ministeriale, che avverrà in tempi strettissimi,sposterà di un anno la validità delle graduatorie di terza fascia ATA. Pertanto le supplenze fino all’avente diritto di posti di durata annuale verranno trasformate in supplenze fino al 30 giugno o al 31 agosto, secondo la natura del posto.

IL direttore generale per il personale scolastico, Maria Maddalena Novelli, ha comunicato con nota n. 40591 del 22 settembre del 2017 che, "visto i ritardi che si sono verificati per il rinnovo delle graduatorie d'istituto di terza fascia del personale ATA , valide per il triennio 2017/2018/2019", è possibile per i destinatari delle suddette supplenze di avvalersi comunque dell’art.59 del CCNL scuola, avviso peraltro comunicato al Mef attraverso specifica nota. Trattandosi di supplenze fino all’avente titolo, nelle more della costituzione delle nuove graduatorie, analoga formula verrà adottata anche per i contratti a tempo determinato stipulati con i supplenti per la copertura dei posti lasciati temporaneamente vacanti dal personale di ruolo titolare di articolo 59. Il MIUR precisa, inoltre , che fino a quando non saranno pubblicate le graduatorie definitive di istituto di terza fascia si attingerà alle graduatorie del triennio precedente del 2014/2017.

 

Redazione scuolaE'...

A cura di: dott. Concetto Toscano

Segnalazione del Prof. Avv. Enrico Michetti della sentenza del Consiglio di Stato Sez. V del 14.9.2017

amministrazione trasparenteCome da consolidata giurisprudenza, l'accesso deve essere motivato (ex art. 25 l. n. 241 del 1990) con una richiesta rivolta all'ente che ha formato il documento o che lo detiene stabilmente, indicando i presupposti di fatto e l'interesse specifico, concreto ed attuale che lega il documento alla situazione giuridicamente rilevante (ex multis, Cons. Stato, V, 4 agosto 2010, n. 5226; V, 25 maggio 2010, n. 3309; IV, 3 agosto 2010, n. 5173).

Il diritto all’accesso documentale di cui trattasi (cfr. Cons. Stato, IV, 15 settembre 2010, n. 6899), infatti, pur essendo finalizzato ad assicurare la trasparenza dell'azione amministrativa ed a favorirne lo svolgimento imparziale, non si configura come un'azione popolare, esercitabile da chiunque, indipendentemente da una posizione differenziata giuridicamente.

Ne consegue che l'accesso è consentito soltanto a coloro ai quali gli atti si riferiscono direttamente o indirettamente, e comunque solo laddove questi se ne possano avvalere per tutelare una posizione giuridicamente rilevante. 

G.I. 2017 20In linea con molte altre province italiane Milano pubblica le graduatorie definitive di circolo e di istituto di II e III fascia relative al personale docente

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.