Docenti
Sede in LOMBARDIA  via lario
______________________
Via del Chiostro, 17, 21026 Gavirate VA, Italia
 Contatti: 3271429807 - 3281627415

articolo GAELa terza sezione del TAR Lazio ha emesso in data 13 agosto 2016 una serie di provvedimenti, il n. 4771, 4772,4773, 4774 e rinviano la trattazione collegiale in camera di consiglio del 14 settembre 2016.

Tali provvedimenti riguardano i diplomati magistrali, abilitati PAS, abilitati TFA e i docenti già inserti in GAE ma cancellati per mancato aggiornamento.

Pertanto, il ministero dovrà ricomporre le graduatorie ed inserire i ricorrenti, poiché il TAR ha ravvisato il periculum in mora.

LE SCUOLE HANNO TEMPO FINO AL 31 AGOSTO PER COMPILARE LE SCHEDE DEL MONITORAGGIO

logo SNV

Come è noto, la legge 107/2015, con l'articolo l, comma 126, introduce un fondo per "il merito del personale docente" e, pur definendo alcuni criteri generali a cui attenersi (comma 129) e indicando alcuni processi decisionali per il Comitato di valutazione e il Dirigente Scolastico (comma 127), lascia la massima autonomia alle istituzioni scolastiche per un suo utilizzo funzionale alla valorizzazione della professionalità dei docenti.

Il MIUR, proprio nel rispetto della legge, ha intenzionalmente scelto un approccio di sostegno alla autonomia delle scuole, fornendo delle indicazioni generali attraverso delle FAQ e, solo dove è necessario, delle "note" di chiarimento (http://www.istruzione.it/snv/docenti.shtml) oltre a dei momenti di informazione e confronto (seminari con Dirigenti Scolastici su tutto il territorio nazionale e iniziative con gli staff degli Uffici Scolastici Regionali).

Pubblicate dal Miur le indicazioni operative che consentiranno alle istituzioni scolastiche di individuare gli insegnanti che dovranno coprire i posti vacanti secondo le novità previste dalla legge 107/2016.

chiamata diretta

Come già anticipato in data 19 luglio saranno da tre a sei i requisiti scelti dal preside per la chiamata dei docenti.

Sono previste due fasi nelle operazioni, la prima a cura dei dirigenti scolastici, la seconda a cura degli Uffici Regionali.

Nella prima fase, i dirigenti scolastici:

• individuano un numero congruo di criteri, indicativamente da tre a sei, anche in ordine di priorità, coerenti con il Piano Triennale dell'Offerta Formativa e il Piano di miglioramento, corrispondenti alle competenze richieste per l'individuazione dei docenti. Per un elenco esemplificativo, si veda l'Allegato A, che riporta: esperienze acquisite, titoli e tipologie di percorsi di formazione;

Fallita la trattativa per un accordo con i sindacati...

chiamata diretta2

Fallita la trattativa per un accordo con i sindacati sui criteri di scelta dei docenti dagli ambiti.

In poche parole i dirigenti avranno maggiore discrezionalità nella selezione dei docenti rispetto ai paletti che fissavano nella fase contrattuale i sindacati. Il Miur in queste ore dovrebbe firmare le linee guida che daranno indicazione ai presidi e ai docenti.

Da tre a sei i requisiti scelti dal preside per la chiamata dei docenti.

Tempi stretti per la procedura: i docenti che sono stati nominati titolari su ambito territoriale, in seguito alle procedure di mobilità, avranno assegnata la scuola entro la fine di agosto, mentre per i neoimmessi in ruolo dall'ultimo concorso e dalle graduatorie la scadenza sarà il 15 settembre.

I docenti della scuola dell'infanzia e primaria dovranno inviare le candidature alle scuole entro il 27 luglio, il 2 agosto i docenti della scuola secondaria di primo grado e il 12 agosto i docenti della scuola secondaria di secondo grado. Subito dopo ci saranno le selezioni... contrariati i sindacati. 

Redazione scuolaE'

IL BONUS PREMIALE PER IL MERITO AI DOCENTI

(Legge 107/2015, articolo 1 commi 126,127,128,129).

Bonus premiale

Ecco alcuni chiarimenti.

 

Il bonus per il merito dei docenti COSTITUISCE un compenso accessorio che non va richiesto a domanda. È un preciso obbligo del dirigente scolastico individuare i docenti che ne hanno titolo, sulla base dei criteri di assegnazione fissati dal comitato di valutazione e sulla base degli indirizzi previsti dall'art. 1, comma 129, della legge 107 del 13 luglio 2015.

Pertanto il diritto di accesso al bonus per il merito ai docenti non va richiesto dal singolo insegnante, ne tantomeno le assenze dei docenti sono un impedimento ad ottenerlo.

 

Ecco il link per scaricare uno stralcio della legge 107 sul bonus premiale dall'area download.

Il dirigente della scuola dove insegno ci obbliga di andare a scuola e firmare le presenze durante il periodo di sospensione delle attività didattiche.

Vorrei sapere se l'obbligo delle presenze è legittimo.

Lettera firmata

 

Intestazione carta

L'obbligo di andare a scuola a firmare le presenze nei periodi di sospensione delle attività didattiche non è legittimo.

Salvo che nei succitati periodi non siano state programmate attività funzionali di natura collegiale (che peraltro rientrerebbero nei limiti delle 40 ore annuali previste dal contratto).

Queste attività sono esplicitate in modo chiaro e puntuale nell'art. 29, comma 3, lettera a del c.c.n.l.

Ci teniamo a precisare che, il Consiglio di stato con sentenza 8 maggio 1987, n.73, si era già espresso, affermando che non è ipotizzabile l'imposizione dell'obbligo della presenza a scuola indipendentemente dalle attività programmate, ciò non trova corrispondenza nel sistema delineato dal dpr n. 417/1974.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.